Commenti e Analisi

Electrolux, Don Fausto e padroni. Miracoli economici all'italiana
Electrolux, Don Fausto e padroni. Miracoli economici all'italiana

Il nordest continua a essere un territorio di sperimentazione nel lavoro dove i miracoli non smettono di stupire. Nel fine settimana due notizie hanno fatto discutere: la prima proveniente da don Fausto Bonini, arciprete del Duomo di Mestre, la…

Leggi tutto

Tutto quello che avreste voluto sapere sull’articolo 18 (e che nessuno vi ha detto perchè non gli conveniva)
Tutto quello che avreste voluto sapere sull’articolo 18  (e che nessuno vi ha detto perchè non gli conveniva)

scarica il documento in pdf

in castigliano su kaosenlared.net(traducido por Zeistar)

Ci stanno provando ancora una volta. Quello che non riuscì a fare Berlusconi nel 2002 prova adesso a farlo Monti. Approfittando della “crisi”, del consenso al governo di tutte le forze politiche, del momento di smarrimento in larga parte della popolazione italiana, Monti cerca di abolire l’articolo 18. Contro questo attacco, che sta andando avanti da mesi e che si concretizzerà a breve nella “riforma del mercato del lavoro” che il governo vuole chiudere per fine marzo, dobbiamo mobilitarci ad ogni costo. Ne va del nostro futuro e della nostra dignità. Ma per opporci con efficacia dobbiamo capire bene qual è la posta in gioco. Infatti sia da parte dei padroni che dei sindacati confederali è stata fatta molta disinformazione sul tema. Vediamo bene perché e come stanno davvero le cose.…

Leggi tutto

L’Italia ai tempi di Monti. Una nota sulle proteste delle ultime settimane (a proposito di forconi)
L’Italia ai tempi di Monti. Una nota sulle proteste delle ultime settimane (a proposito di forconi)

Il movimento dei forconi esplose quasi due anni fa a partire dalle proteste degli agricoltori ed autotrasportatori, per lo più del Sud.Il forte impatto che ebbero i numerosi blocchi lungo le arterie della circolazione di merci e persone, produsse un effetto domino che garantì discreta visibilità e notorietà al movimento. Al punto evidentemente di sedimentare qualcosa pronto a riemergere nonostante il tempo passato.…

Leggi tutto

Fiat ingoia Chrysler. Ma le automobili non c’entrano
Fiat ingoia Chrysler. Ma le automobili non c’entrano

Nei primi giorni del 2014 le prime pagine di tutti i giornali italiani e internazionali hanno riportato a grandi titoli la notizia dell’acquisizione del 100% di Chrysler da parte di Fiat.

Un’azienda italiana, anzi l’Azienda italiana con la A che ingoia un colosso (sebbene in rovina) statunitense è una notizia che fa impressione. “Un’operazione che entrerà nei libri di storia”, “un sogno realizzato” secondo Marchionne e Elkann; Susanna Camusso parla di operazione di grande rilevanza; Bonanni e Angeletti si fanno prendere addirittura dall’entusiasmo più sfrenato, il primo rivendicando una parte del merito (senza un sindacato responsabile in Italia, Fiat non avrebbe avuto la forza di proiettarsi sul mercato globale) e entrambi dicendosi certi che l’acquisizione darà nuovo slancio e garantirà posti di lavoro anche in Italia. Ai tre compari deve essere sfuggito, tra le altre cose, il licenziamento - a partire dal primo gennaio - di 174 operai della Lear e della Clerprem, aziende che lavoravano con le commesse dello stabilimento Fiat di Termini Imerese, o gli esuberi in GKN di Campi Bisenzio azienda in cui l'80% delle commesse dipende da Fiat.…

Leggi tutto

Gli insegnamenti degli autisti dell’ATAF
Gli insegnamenti degli autisti dell’ATAF

Due giorni di sciopero selvaggio hanno portato ad un accordo che in buona sostanza rimanda lo scontro su alcune questioni, che l’azienda non ha rinunciato a rimettere sul piatto: rimandata al 31 gennaio la disdetta degli oltre 300 accordi integrativi, accordo che consente di mantenere gli attuali livelli retributivi e o stesso impianto orario; rimandato anche lo spacchettamento di ATAF sotto tre differenti padroni, di cui si ridiscuterà solo dopo la gara regionale per il trasporto pubblico toscano; positivo aumento delle ore di lavoro per i part-time, che verranno assunti come full-time dal 7 gennaio prossimo.…

Leggi tutto

Ancora sulla ''riforma'' del mercato del lavoro. Che sta succedendo?
Ancora sulla ''riforma'' del mercato del lavoro. Che sta succedendo?

Come collettivo che cerca di fare inchiesta e controinformazione sul mondo del lavoro - ma anche connessione fra le varie vertenze dei lavoratori, perché si isoli l'elemento politico che ci accomuna e si si diffonda coscienza di classe, senza la quale non si vince – stiamo seguendo il dibattito di queste settimane per ''riformare'' il mercato del lavoro. Stiamo preparando un documento più completo sul tema, nel frattempo però vi segnaliamo una serie di articoli dove i vari aspetti del problema sono ben analizzati, perché dobbiamo da subito renderci conto della portata di quest'attacco e della gravità della situazione.…

Leggi tutto

Rete Camere Popolari del Lavoro