Commenti e Analisi

EAT THE RICH! Che i sacrifici li facciano i padroni
EAT THE RICH! Che i sacrifici li facciano i padroni

Nelle manifestazioni di Wall Street, per le strade di Londra, nelle piazze spagnole, si legge ovunque una scritta: “Eat the rich!”, “Mangia il ricco!”... Questo slogan esprime, in maniera embrionale, una coscienza di classe ed una coscienza…

Leggi tutto

Dietro la curva c’è il burrone! Sullo sciopero generale del 6, l’autunno, e i compiti a venire…
Dietro la curva c’è il burrone! Sullo sciopero generale del 6, l’autunno, e i compiti a venire…

Un’estate calda, pesante, che si trascina con un dibattito infinito intorno alla Manovra, ai sacrifici che cittadini e lavoratori dovranno ancora una volta fare per “aiutare il Paese”. Un’estate così calda che persino la CGIL, dopo aver firmato gli accordi-truffa del 28 giugno e dopo la luna di miele con Confindustria, è costretta a scendere in piazza. Così già il 6 settembre – giorno dell’approvazione delle misure in Senato – è stato proclamato dalla CGIL uno sciopero generale, che per la prima volta vedrà sfilare contemporaneamente anche buona parte del sindacalismo di base… Una mobilitazione così rapida, e per molti aspetti unica, che dobbiamo provare a cogliere nelle sue potenzialità, perché potrebbe rappresentare la prima scintilla di un grande incendio.…

Leggi tutto

Facciamo ritirare lo spot vergogna della sicurezza sul lavoro!
Facciamo ritirare lo spot vergogna della sicurezza sul lavoro!
Da qualche mese a questa parte assistiamo ad uno spettacolo che definire vergognoso è un eufemismo: un spot del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali sul tema della "sicurezza sul lavoro" viene trasmesso, con una certa frequenza, sulle principali reti televisive. L'attuale governo Berlusconi spende ben 9 milioni di euro (soldi pubblici, con la crisi che ci attanaglia) per questa propaganda. Gli spot sulla sicurezza sul lavoro ricordano ai lavoratori di badare alla propria incolumità e contemporaneamente lasciano intendere agli altri fruitori del messaggio che il problema (4 morti al giorno per motivi di lavoro, questa è la media in Italia, una vera e propria piaga sociale) sta tutto nel comportamento sbagliato dei lavoratori, in quanto non conforme alle norme sulla sicurezza sul lavoro. I lavoratori sono un po' ingenui, un po' disattenti, un po' strafottenti...perciò muoiono quotidianamente di lavoro.…

Leggi tutto

La sicurezza sul lavoro non è in vendita
La sicurezza sul lavoro non è in vendita

La crisi è scoppiata e, anche se con notevole ritardo, ormai anche i media sembrano essersene accorti. Licenziamenti, sequestri di manager, cassa integrazione si fanno spazio nei palinsesti dei tg e se, come l'OCSE è stata costretta ad ammettere, per il 2010 è previsto un tasso di disoccupazione nei paesi del g8 in aumento sino ad oltre il 10 %, possiamo prevedere che questo “particolare riflettore” sul mondo del lavoro non si spegnerà presto.

Licenziati, costretti alla cassa integrazione e al lavoro ipersfruttato e precarizzato, i lavoratori - soggetti su cui viene scaricato il peso crescente della crisi- sembrano oggi poter contare su un’unica certezza: quella di essere sempre più esposti alle conseguenze della violenta logica del profitto, quel profitto che oggi, come ieri, i padroni pongono davanti alla stessa incolumità fisica dei lavoratori.…

Leggi tutto

Chi è Martone, nuovo vice-ministro del Lavoro
Chi è Martone, nuovo vice-ministro del Lavoro

Contro art.18, FIOM e opposizione sociale. A favore dell'art.8, del sindacalismo “giallo” e della flex-security

La squadra di governo è praticamente pronta. Dopo i ministri sono arrivati anche vice-ministri e sottosegretari. E come per i primi, anche per i secondi non sarebbe male andare a capire chi sono, che hanno fatto, come la pensano e cosa cercheranno di fare.…

Leggi tutto

Finmeccanica: è l’ora delle lacrime per i lavoratori
Finmeccanica: è l’ora delle lacrime per i lavoratori

Negli ultimi mesi abbiamo assistito in tutt’Italia alla lotta degli operai e delle operaie dell’Ansaldo Breda, dell’Alenia e, più in generale, alla mobilitazione dei lavoratori e delle lavoratrici di Finmeccanica, gruppo controllato dal Tesoro. Scioperi, manifestazioni, proteste contro la privatizzazione, contro la chiusura degli stabilimenti, le esternalizzazioni e la cassa integrazione. Fino ad ora però sono state trattate e considerate come lotte all’interno di una singola azienda o – peggio ancora – di un singolo stabilimento. L’analisi del piano industriale di Finmeccanica ci mostra che non è così: la dismissione dell’Ansaldo Breda è legata a quella possibile dell’Ansaldo STS; a loro volta la privatizzazione delle attività collaterali è intimamente collegata alla volontà di concentrarsi su quelle core business, che significa creare la SuperSelex, così come la ristrutturazione dell’Alenia, con annessa chiusura di siti, trasferimenti e cassa integrazione per gli opera.…

Leggi tutto

Rete Camere Popolari del Lavoro