Articoli

Il governo Monti si presenta anche agli operai Irisbus. E sono ancora lacrime e sangue...

L'avevano data per chiusa. E invece non è così. La vertenza Irisbus non ha ancora avuto una soluzione. Non lo è stato sicuramente l'accordo del mese scorso, che prevedeva il ritiro dei provvedimenti disciplinari contro una decina di operai da parte…

Leggi tutto

Appello alla mobilitazione contro Marchionne da Pomigliano

La riunione tenuta a Pomigliano d’Arco, mercoledì 7 dicembre 2011, tra lavoratori, attivisti politici e sindacali e militanti dei movimenti sociali chiama alla mobilitazione contro l’annunciata kermesse della Fiat a proposito del lancio ufficiale sul mercato della nuova Panda che sarà prodotta nel ristrutturato stabilimento Fabbrica Italia.…

Leggi tutto

In direzione ostinata e contraria… verso il “NO MARCHIONNE DAY”
In direzione ostinata e contraria… verso il “NO MARCHIONNE DAY”

“Finalmente” Monti ha parlato e quello che è uscito della prima riunione del Consiglio dei Ministri davvero operativa, non lascia presagire nulla di buono; ma in fondo ce l’aspettavamo e, come da copione, non ci sono state particolari sorprese. Tra una lacrima e l’altra del Ministro Fornero, è stata pronunciata la magica parola che, sola, condensa il programma del nuovo Governo e la “cura” per l’Italia: sacrifici. Ma sacrifici per chi? È fin troppo scontata la risposta: per i soliti, per chi non ha nulla, per i lavoratori.…

Leggi tutto

Irisbus: i lavoratori resistono e si organizzano. E il sindacato? 5 domande a CGIL-CISL-UIL-UGL
Irisbus: i lavoratori resistono e si organizzano. E il sindacato? 5 domande a CGIL-CISL-UIL-UGL

La lotta tra FIAT e operai all'IRISBUS sta conoscendo, proprio in queste ore, momenti di forte tensione. L'azienda ha infatti deciso di utilizzare anche la armi più sporche che ha a disposizione nel tentativo di spezzare la resistenza operaia. Dapprima la provocazione della notte tra il 14 ed il 15 ottobre quando, dopo un accordo raggiunto con i sindacati proprio la sera del 14, tentò di far uscire dalla fabbrica una ventina di autobus ancora da completare; e, nei giorni successivi, provvedimenti repressivi contro una decina di operai, colpevoli di aver intralciato il piano di chiusura della FIAT, impedendo l'uscita degli autobus.…

Leggi tutto

Rete Camere Popolari del Lavoro