Alenia Aermacchi complice del massacro israeliano

b_300_0_16777215_00_images_stories_01_documenti_articoli_aermacchi-m346-israele.jpg

Nella vita, si sa, è importante essere veloci e saper cogliere l’attimo. Alenia Aermacchi lo sa bene.

A Gaza impazza l’ennesimo attacco sionista, che sta già mietendo centinaia di morti e feriti, e quale notizia apprendiamo, esattamente nelle stesse ore?

Che il colosso italiano dell’aeronautica, di proprietà di Finmeccanica – quindi statale – si può fregiare di aver consegnato i primi due M-346 alla Forza Aerea di Tel Aviv. I due ‘addestratori avanzati’ sono solo il primo lotto di una commessa che vedrà Alenia Aermacchi consegnare in totale 30 velivoli che andranno a sostituire, entro il 2016, i TA-4, attualmente in forza all’aviazione israeliana.

Evidentemente il genocidio israeliano ha costantemente bisogno di affinare le sue armi. Evidentemente i bombardamenti che in queste ore stanno causando così tanta sofferenza nel popolo palestinese non lo sono abbastanza. Evidentemente si può fare molto meglio.
Alenia Aermacchi e stato italiano possono aiutare.

“Un risultato che testimonia il grande lavoro di squadra svolto in stretta collaborazione con le controparti industriali TOR e Honeywell”, ha dichiarato l’azienda. Non c’è che dire, un risultato di cui andare assolutamente fieri. Dalla Palestina già arrivano i primi ringraziamenti: “Grazie Italia!”

---
fonte: aerospaziocampania.technapoli.it

Rete Camere Popolari del Lavoro