Che levataccia… Storie di ordinaria precarietà

volontariato

Ripubblichiamo da BgReport la storia di una giovane lavoratrice alle prese con colloqui, lavoretti, "volontariato" e tanto sfruttamento...
La mia storia è una delle tante, comuni, sulla flessibilità lavorativa permanente e la precarietà esistenziale.

Dopo essermi laureata in scienze politiche con pieni voti, ho passato sei mesi nei quali ho svolto diversi “lavoretti”, espedienti che molti miei coetanei trovano per “svoltare la giornata” e che spesso diventano una norma, anche per anni. Nel frattempo, continuavo la mia distribuzione di curriculum, senza successo. La risposta era quasi sempre la stessa: ‘’abbiamo bisogno di persone con esperienze lavorative dirette’’. L’obiezione viene naturale: come faccio ad accumulare esperienza se ad ogni colloquio mi viene sbattuta la porta in faccia? Dopo questi sei mesi ho deciso di ovviare al problema aderendo ad un progetto di leva civica locale. Non sapendo nemmeno di cosa si trattasse, ho fatto subito delle ricerche in Internet: viene presentata come ‘’uno strumento di cittadinanza attiva, un’esperienza utile per te e per la comunità in cui vivi’’ e, tra i suoi obiettivi, vi è quello di ‘’ costituire un’occasione di reinserimento o inserimento in attività che prefigurino il mondo del lavoro.’’

Decisamente poco interessata alle altisonanti, e strumentali, motivazioni sulla “difesa della patria” e sullo sviluppo della cittadinanza attiva (tuttora non capisco il senso di questo termine), ho deciso di provare, spinta più che altro dalla necessità di fare ‘’esperienza’’ e ‘’curriculum” e dal piccolo guadagno che ne ricavavo. Si tratta in sostanza di volontariato semi rimborsato della durata di un anno: la paga, se così si può chiamare, è di 300 euro al mese per 20 ore minime di lavoro a settimana. Facendo un rapido calcolo, ho preso circa 3 euro l’ora per dodici mesi di lavoro. Nella situazione in cui versavo, avrei accettato qualsiasi cifra pur di uscire dall’empasse in cui mi trovavo, pur di accumulare questa benedetta “esperienza” che sembra essere essenziale per poter lavorare. Al momento della firma del contratto, ho sottoscritto una nota con la quale mi rendevo disponibile a proseguire, una volta finito l’anno di leva civica, l’attività lavorativa presso il medesimo ente. Lo stesso operatore incaricato di seguirmi non ha mai negato il fatto che potessi essere successivamente assunta, anzi: per tutta la durata del mio servizio, mi hanno sempre fatto delle semi-promesse mantenendo alta la mia speranza.

Le mansioni che svolgevo non richiedevano nessuna qualifica particolare e non mi hanno fornito nessuna “formazione” specifica: si trattava semplicemente di mandare mail, ritirare la posta, scrivere comunicati stampa, ordinare l’ufficio ecc., alla faccia della cittadinanza attiva e del servizio alla comunità… Finito il periodo di leva civica, le speranze di una possibile assunzione sono crollate definitivamente: lo stesso operatore, che mi faceva delle mezze promesse sul mio futuro, ora mi parla di tagli ai fondi, al personale, alle spese… insomma, per me lì non c’é più posto. E’ stato rassicurante però scoprire che pochi mesi dopo la fine della mia leva, hanno indetto subito un altro bando per un nuovo volontario.

E’ chiaro che l’intenzione delle strutture che utilizzano questa forma di collaborazione sia volta al risparmio, costa meno pagare una persona con la scusa della formazione lavorativa senza però inserirla realmente nel mondo del lavoro continuando così a creare precariato tra i giovani che si susseguono di anno in anno, per 300 euro al mese, sperando così di crearsi il curriculum ideale e l’esperienza lavorativa richiesta.

Rete Camere Popolari del Lavoro