Contro l'assenteismo per malattia, a tutto Marchionne!

b_300_0_16777215_00_images_01_documenti_articoli_2016_02_07_assenteismo_marchionne.jpg

Ripubblichiamo da La Citta Futura quest'ottimo articolo di Carmine Tomeo che mostra cosa si nasconde dietro la lotta contro “l'assenteismo” nel pubblico come nel privato. Una lotta dei padroni contro i lavoratori che passa per l'umiliazione dei dipendenti e per ritmi sempre più estenuanti. Questo per ingrassare i loro profitti. Questo per salari da schifo.

Fino a che punto si spinge la supponenza padronale contro i lavoratori? A volte fino a raggiungere la palese umiliazione dei dipendenti. Ed è quello che, ad esempio, è successo alla Nobili di Suno (Novara), un’importante azienda di rubinetterie.

Lo scorso 23 dicembre, l’azienda ha pensato di “premiare” con la “coppa dell’assenteista” i dipendenti che nel corso dell’anno più si erano assentati per malattia. L’imprenditore si giustifica considerandola una goliardata per porre in questione il tema del cosiddetto assenteismo. La retorica utilizzata dal goliardico imprenditore è la solita: qualche mela marcia rovina un cesto di buoni frutti e, secondo il classico copione del divide et impera, nel consegnare gli umilianti premi afferma che assentarsi troppo “non è giusto di fronte a chi è sempre presente”.

Quello che il bontempone Nobili non sapeva e chissà se gli interessa, è che le persone chiamate a ritirare il premio di fronte a 250 colleghi avevano avuto (e si portano ancora dietro) gravi problemi di salute. Le malattie sono certificate, ma quel diritto non fa parte della contabilità aziendale. Si ripropone, quindi, un tema classico: si potrebbe fare meglio, si potrebbe crescere ed essere più competitivi; ma occorre essere più efficienti, aumentare la produttività e fare sacrifici tutti insieme, e questi presupposti sono in contrasto con regole che permettono le assenze dal lavoro. A porre la questione in maniera stringente fu, guarda caso, Marchionne qualche anno fa.

Poco più di cinque anni or sono, l’Ad Fca intervistato da Fabio Fazio se la prendeva con le tutele sindacali e l’assenteismo negli stabilimenti Fiat. Un anno dopo, Marchionne, parlando all’Unione industriale torinese, se la prese con l’assenteismo in Sevel, dove si fabbrica il Ducato. L’attacco fu così grave da spingere alla replica anche i sindacati che qualche tempo dopo avrebbero firmato il contratto speciale Fiat. In quell’occasione Marchionne affermò che “Nello stabilimento della Val di Sangro oltre il 20% della gente non si presenta a lavorare, perché le regole sindacali danno il diritto di non venire, e io non posso vendere l'80% del furgone prodotto”. A parte le esagerazioni sulle assenze, che non trovavano riscontro nella realtà, Marchionne lanciò questa accusa nonostante la Sevel sia lo stabilimento del gruppo Fca con i maggiori tassi di produttività, tanto da far registrare produzioni da record.

Come noto, il risultato in Fca di questo attacco al cosiddetto assenteismo è contenuto nel contratto speciale Fiat, firmato da tutti i sindacati tranne Fiom e quelli di base, dove, da gennaio 2013, è previsto che i primi due giorni di malattia non sono retribuiti in caso di tasso medio di assenteismo del 4%. Ora, è chiara l’ingerenza aziendale nella vita dei lavoratori, se a stabilire se un lavoratore ha diritto all’assenza per malattia è l’azienda prima ancora del medico e perciò è l’azienda prima del medico a stabilire se lo stato di salute del lavoratore è idoneo al lavoro oppure no. Eppure, stando ai dati, l’assenteismo in Italia non pare un problema impellente, come non lo era quando Marchionne lanciò i suoi attacchi.

Non esistono molti studi comparati sulle assenze per malattie in Europa, ma nel 2009 in un’indagine pan-europea Health & Benefit 2008 di Mercer ha intervistato 800 aziende in 24 paesi europei. La relazione mostrava un tasso di assenze in linea con Germania e più basso di quello francese e belga e minore della media dei Paesi oggetto dell’indagine. E ancora, una comparazione internazionale delle assenze per malattia condotta nel 2004 ("Work absence in Europe" di Bonato-Lusinyan), rileva un tasso di assenze dei lavoratori italiani minore dei colleghi tedeschi, olandesi, norvegesi, inglesi. Una conferma arriva anche dall’Osservatorio europeo della vita lavorativa, che nel 2010 affermava che per l’Italia “l'assenteismo non sembra essere un problema all'ordine del giorno delle parti sociali a causa di tassi relativamente bassi”. E le indagini sul lavoro di Confindustria mostrano che il tasso di assenze per malattia è rimasto invariato tra il 2010 ed il 2014.

Pare sufficiente per affermare che il problema, come avanzato dalla classe imprenditoriale, esprime la volontà padronale di restringere i diritti dei lavoratori ed avere maggiori libertà nell’esercizio del comando sul lavoro. Un comando che su questo tema si estende fin dentro la vita privata dei lavoratori, sempre più spiati anche attraverso agenzie di spionaggio che crescono numerose per offrire i propri servizi alle aziende che vogliono controllare i lavoratori praticamente fin dentro le loro case. E poi umiliati, come nel caso dei premi alla Nobili di Suno, ed esposti al confronto tra buoni e cattivi: questi ultimi, quelli che si assentano e non sacrificano la propria salute; quegli altri quelli che si mostrano sempre ligi al proprio dovere di produttori di profitti aziendali. In un gioco di disgregazione della classe lavoratrice, non nuovo, certo; ma che oggi si avvale anche della debolezza delle organizzazioni dei lavoratori e di una legislazione, come il Jobs act, che tra l’altro frantuma sempre più quel che rimane dell’unità di classe.

Rete Camere Popolari del Lavoro