[Padova] 30/01 - Dal Santa Tecla all'infermiere a tempo

Grintose e determinate quasi cento lavoratrici e lavoratori portano la loro protesta da mesi nelle piazze di Este, così come a Padova. Sono le lavoratrici che la fondazione Santa Tecla, controllata dalla curia di Padova, vorrebbe licenziare.
La chiamano esternalizzazione: licenziarne cento e assumerne altrettanti da qualche cooperativa dove salari e i diritti sono incerti. Un giochino che ormai i lavoratori conoscono bene dalle cooperative della logistica fino appunto a quelle del ciclo produttivo della cu...ra.

santa-tecla-web.jpg

La maggioranza dei lavoratori in lotta sono donne con alle spalle decenni di lavoro di cura e con i segni del lavoro che ora le rende “inadeguate” perché troppo usurate, per questo le prime quarantacinque che la fondazione voleva licenziare sono le lavoratrici più colpite da problemi fisici causati soprattutto dall'intensità del lavoro fatto negli anni. Ma le lavoratrici hanno deciso di non arrendersi: dopo gli scioperi, delle settimane passate anche Martedì 28 sarà sciopero (con un picchetto davanti alla fondazione) e in questi giorni prosegue l’agitazione sindacale all’interno della fondazione dove le lavoratrici si rifiutano di svolgere mansioni non previste.

Nelle ultime settimane la Regione Veneto si era assunta la responsabilità di portare le ragioni delle lavoratrici e spingere perché la fondazione ritirasse i licenziamenti, fino alla possibilità di commissariare la Fondazione. Nulla di tutto questo è stato fatto. Nel frattempo i vertici dell’amministrazione Veneta si occupavano ancora di sanità, con la standardizzazione dei tempi di assistenza infermieristica negli ospedali, spacciata come strumento di ottimizzazione, ma che prospetta solo diminuzione dei servizi per gli assistiti e licenziamenti.

Di tutto questo e delle prospettive di questa lotta parleremo con alcune lavoratrici e con i rappresentanti sindacali USB.

Giovedì 30 Gennaio - ore 20:45
Sala sotto l'Orologio
Piazza dei Signori (Padova)

Rete Camere Popolari del Lavoro