Costruiamo la solidarietà con i lavoratori in lotta all'IKEA di Piacenza!

qui maggiori info

Da tre settimane va avanti la lotta dei lavoratori del Consorzio Gestione Servizi (CGS), in appalto presso l'IKEA di Piacenza. In questo lasso di tempo si sono susseguite iniziative di protesta, da scioperi a blocchi delle merci, per ottenere il rispetto dei più elementari diritti dei lavoratori.

Ma si tratta di una lingua, quella dei diritti, che IKEA non conosce e non vuole conoscere. Ha scelto la strada del muro contro muro, spingendo le cooperative cui dà l'appalto ad applicare misure punitive nei confronti di quegli operai che si sono resi “colpevoli” di alzare la testa e di lottare per migliorare le condizioni di lavoro. Le forze di polizia si sono mostrate una volta di più completamente allineate alle posizioni dell'azienda ed anche stamattina hanno picchiato e manganellato i lavoratori riuniti in presidio dinanzi ai cancelli del colosso svedese. Il risultato delle cariche è finora di 5 feriti. Ma c'è anche un altro risultato: i lavoratori non sono arretrati, non sono tornati a casa e sono ancora lì e mantengono con determinazione le loro posizioni.

Sono forti e stanno dimostrando di non voler cedere dinanzi alla violenza padronale e statale. Ma immaginate se fossero supportati in tutt'Italia da tutti quelli che pensano che i diritti dei lavoratori non possano essere calpestati né tanto meno gettati nella spazzatura, anche laddove il cestino fosse a marchio IKEA. Possiamo dar loro ancora più forza! Domani, sabato 3 novembre, dimostriamo all'IKEA che la lotta si combatte a Piacenza ma si diffonde su tutto il territorio nazionale.

Andiamo dinanzi alle sedi delle nostre città, organizziamo volantinaggi e consegniamo alle casse il testo che segue!

sabato 3 - Napoli - dalle 11:30 - IKEA AFRAGOLA

sabato 3 - Torino - dalle 14.00 - IKEA Collegno

domenica 4 - Firenze - dalle 11:30 - IKEA  Sesto Fiorentino

scarica qui il volantino da dare fuori IKEA

vol-ikea.jpg

 

Rete Camere Popolari del Lavoro