Cosa si muove

Il caso OMSA: la lycra ''resiste'', ma le lavoratrici ancora di più…

Da alcuni giorni la rete è invasa dalla campagna di boicottaggio alla OMSA (su facebook), storica azienda italiana che dal 1992 fa parte del gruppo Golden Lady, questa campagna organizzata dal basso, assieme a molte altre azioni di lotta delle…

Leggi tutto

[Firenze] Un mese di sciopero proclamato dai lavoratori in appalto delle portinerie dell’Università
[Firenze] Un mese di sciopero proclamato dai lavoratori in appalto delle portinerie dell’Università

I lavoratori e le lavoratorici in appalto delle portinerie dell’Università di Firenze, come annunciato, non hanno abbassato la guardia, hanno mantenuto lo stato di agitazione dopo una prima parziale vittoria nel mese di dicembre (il pagamento degli stipendi arretrati), ottenuta solo grazie alla lotta messa in campo e proclamano un intero mese di sciopero a partire da lunedì 16... E CHE IL CAOS SIA!!!

L'esempio della lotta che questi lavoratori e compagni stanno portando avanti merita di essere seguita e supportata: al di là della lotta sindacale, l'organizzazione dal basso ha permesso di sviluppare un intelligenza collettiva che messa al servizio della propia vertenza diventa sperimentazione per le lotte degli altri. Nel caso specifico, di fronte a una contrattualistica complessa e alla difficoltà di rendere, in alcuni settori, lo sciopero classico uno strumento di lotta che abbia serie ripercussioni, a Firenze hanno ragionato su come agire: creare il CAOS, uno sciopero a scacchiera per un intero mese. A "scacchiera" non solo nel senso di spalmare lo sciopero su un tempo lungo ma non necessariamente continuato. Ma nel senso proprio di "tenere in scacco" decidendo volta per volta tempi e modalità...…

Leggi tutto

[Campania] - Hydrogest - Lavoratori degli impianti di depurazione in stato di agitazione
[Campania] - Hydrogest - Lavoratori degli impianti di depurazione in stato di agitazioneOggi, 12 gennaio 2012, i lavoratori dell'impianto di depurazione di Cuma (in provincia di Napoli) sono stati in presidio, all'esterno dello stabilimento. In una regione devastata dal malgoverno delle amministrazioni regionali, provinciali, comunali, di centro-sinistra e di centro-destra e asfissiata dall'attività della criminalità organizzata, l'attività dell'impianto non é stata bloccata, onde evitare ulteriori problemi ambientali (é di qualche giorno fa la condanna della Corte Europea all'Italia per la gestione dei rfiuti in Campania).…

Leggi tutto

[Firenze] Insieme ai lavoratori dell'ATAF, in lotta contro la privatizzazione dell'azienda del trasporto pubblico fiorentino!
[Firenze] Insieme ai lavoratori dell'ATAF, in lotta contro la privatizzazione dell'azienda del trasporto pubblico fiorentino!

La Fase 2 del governo Monti prevede, accanto alla “riforma” del mercato del lavoro, l'offensiva nel campo delle liberalizzazioni e delle privatizzazioni. Su quest'ultimo capitolo non c'è da scherzare. Il risultato del referendum del 12 e 13 giugno, con la schiacciante vittoria del “no” alla privatizzazione dell'acqua, crea non pochi problemi alle classi dirigenti. Il significato di quel voto è stato colto con grande nitidezza dagli investitori internazionali: il “no” lascia in realtà intravedere una più larga opposizione alla privatizzazione di numerosi beni e servizi.

Ciononostante, c'è la volontà di procedere imperterriti. L'ideologia dominante ci dice che “privatizzare è bello” e allora via alle privatizzazioni! Con la speranza che quel maledetto referendum risulti solo un incidente di percorso...…

Leggi tutto

[Fincantieri] La lotta degli operai comincia a mettere paura a politici e governanti
[Fincantieri] La lotta degli operai comincia a mettere paura a politici e governanti

Malgrado gli appelli e le rassicurazioni di Monti, il 2012 comincia all'insegna delle tensioni sociali. Certo, non siamo ancora al livello di generalizzazione di queste tensioni che, per ora, rimangono limitate al perimetro aziendale o tutt'al più a quello cittadino.…

Leggi tutto

[Napoli] Lavoratori delle pulizie del museo di Capodimonte in lotta per scongiurare la decurtazione del 50% dello stipendio
[Napoli] Lavoratori delle pulizie del museo di Capodimonte in lotta per scongiurare la decurtazione del 50% dello stipendio

Forse qualcuno ricorderà i volantini che tra agosto e settembre furono affissi nelle stazioni della metropolitana di Napoli. Erano stati scritti dai lavoratori delle pulizie. Le aziende Gesap e Gierre, che avevano vinto l'appalto bandito da Metronapoli, avevano deciso il loro licenziamento, a causa del venir meno della commessa. Solo grazie alla lotta i lavoratori riuscirono a scongiurare quella misura e ad ottenere una vittoria sicuramente significativa.…

Leggi tutto

Rete Camere Popolari del Lavoro