Poste Italiane: sanzioni disciplinari per chi lotta

La dirigenza di Poste italiane non può accettare che ci siano degli ostacoli nei processi che intende portare avanti, senza discussione: privatizzazione, peggioramento delle condizioni di lavoro, tagli, aumento dei ritmi e dei rischi, in particolare per i portalettere.

b_300_0_16777215_00_images_stories_02_lotte_cosa_si_muove_poste-sanzioni-disciplinari.jpg

Un compagno Rsu Cobas di Firenze è nel mirino dell'azienda perchè da anni porta avanti le lotte con coerenza e determinazione.

Questo è solo l'ennesimo attacco della guerra al conflitto che ha visto nell'accordo sulla rappresentanza l'ultimo sigillo.

Qui di seguito il volantino dei Cobas. Invitiamo i fiorentini che in questi giorni passano alla tre giorni al Cpa (Sgrana e Traballa) ad informarsi e sottoscrivere l'appello di solidarietà che sta circolando durante le cene.

Estendiamo la solidarietà!

---
NON VE LA FAREMO PASSARE

Nell'arco di pochi giorni il nostro compagno Edoardo Todaro, storica rsu e rls Cobas, è stato oggetto di pesanti sanzioni disciplinari da parte dell'azienda Poste Italiane. Se già le motivazioni del primo provvedimento apparivano pretestuose, il secondo rivela da subito la sua natura punitiva e antisindacale. Cosa significa infatti contestare a un rappresentante dei lavoratori il linguaggio irriguardoso, l'avere scattato fantomatiche foto del casellario (che non vengono esibite) e l'avere messo al corrente i suoi colleghi delle motivazioni del primo provvedimento appendendolo nella bacheca sindacale?

Almeno non siamo ipocriti! Si è voluto colpire chi si è esposto e si è speso, in tante iniziative, denunciando i disastri provocati dall'ultima "ristrutturazione" del recapito. Edoardo con questa seconda sanzione rischia la sospensione. Si vuole usarlo come esempio per impaurire i lavoratori e spingerli a chinare la testa e dire sempre di sì.

Ma noi non ci stiamo. Saremmo degli idioti a "metterci buoni" sperando nella vostra clemenza. Non staremo fermi a guardare, difenderemo Edo con le unghie e con i denti,

Perché difendere Edo significa difendere tutti i lavoratori!

COBAS POSTE FIRENZE

Rete Camere Popolari del Lavoro