Yoox: non basta lo sfruttamento. Molestie sessuali sulle facchine. È sciopero!

Non si fermano le lotte nel settore della logistica. A scendere in strada a protestare sono state le facchine della cooperativa Mr Job, fornitrice di servizi di logistica, facchinaggio, pulizia a trasporti principalmente in Emilia Romagna e impiegata dall'azienda Yoox.

Riportiamo di seguito il comunicato da infoaut.org sottolineando anche noi un aspetto sostanziale di questa lotta: le operaie, denunciano non solo le pessime condizioni lavorative e salariali, le solite irregolarità riscontrabili in busta paga tramite le quali le cooperative abbattono il costo del lavoro, in spregio a qualsiasi diritto (come per esempio la negazione di qualsiasi garanzia di giorni festivi), ma anche la loro particolare (quanto purtroppo fin troppo comune) condizione, in quanto donne, di dover subire molestie e ricatti sessuali del capo reparto e condizioni di ricattabilità ancor più elevate.


b_300_0_16777215_00_images_stories_02_lotte_cosa_si_muove_facchine-yoox.jpg

[da infoaut.org] Facchine all'interporto di Bologna costrette a lavorare nelle stesse condizioni disumane a cui si sono ribellati già molti operai e operaie della città. Ma sta volta c'è qualcosa in più che oltre al fisico e alla morale prendeva a cazzotti la dignità di queste operaie: le continue molestie sessuali del caporale.

Sono le facchine della Mr Job cooperativa a servizio della Yoox, azienda smart e fiore all'occhiello dell'imprenditoria italiana giovane e allegra, dove tutto sembra essere un sorriso e il lavoro una piacevole attività. Le facchine per anni hanno subito molestie e ricatti sessuali del capo reparto a cui si aggiungevano gravissime irregolarità nella busta paga e lo spregio di qualsiasi diritto . Dopo l'ennesimo abuso, il licenziamento a voce di due operaie, le facchine della Yoox, organizzate dal S.I.Cobas, da ieri sono in sciopero e per 48 ore hanno picchettato il loro magazzino.

Ieri mattina è arrivata la prima violenta ritorsione delle autorità che a soldo della Yoox hanno arruolato una quarantina di celerini per aggredire le operaie e i loro compagni e compagne di lotta. Si sono avventati addosso al picchetto e durante l'operazione repressiva sono stati fermati 20 manifestanti per più di sei ore, non prima di venire trascinati sull'asfalto rovente, procurando alle braccia, alle gambe e alla schiena, tagli ed escoriazioni. Durante l'aggressione dei celerini alcune facchine e solidali sono riusciti a restare sotto il camion parcheggiato davanti all'ingresso del magazzino riuscendo così a continuare fino alle cinque del pomeriggio il picchetto che era iniziato alle sette della mattina [guarda il video dell'inizio dello sgombero - guarda il secondo video in cui polizia e carabinieri si fanno più brutali].

La celere è stata particolarmente brusca al fine, molto probabile, di intimidire le operaie, per la maggior parte migranti, e farle tornare in silenzio nell'inferno in cui avevano consumato le loro vite fino a due giorni fa, ma l'obiettivo non è stato raggiunto! Le facchine determinatissime e sostenute da molti compagni e compagne che sono accorsi all'interporto di Bologna durante tutto il giorno hanno continuato con intransigenza e dignità l'iniziativa di lotta fino a quando non hanno deciso che per oggi poteva bastare. L'avevano promesso ieri notte davanti a centinaia e centinaia di studenti che partecipavano al Batti Il Tuo Tempo Festival ai Giardini Filippo Re occupati dal Collettivo Universitario Autonomo di Bologna: dal palco del concerto avevano detto chiaramente che il tempo dei soprusi era finito e che la giornata di oggi sarebbe stata la prova della loro fermezza e forza. Intanto l'avvocato del foro di Bologna Marina Prosperi ha fatto sapere che sono state depositate le denunce per i trattamenti riservati alle facchine della Yoox da parte del caporale.

---
ascolta la corrispondenza dal picchetto di radiondadurto

Di seguito alune interviste rilasciate dalle lavoratrici:

Io Sono stata assunta tre anni fa con un contratto di apprendistato. Avevo da poco superato il periodo di prova quando iniziarono le molestie da parte di uno dei responsabili della cooperativa Mr Job. Lui si avvicinò a me stando attento a non farsi sentire dalle altre e mi sussurò all'orecchio che lui "sapeva che noi marocchine eravamo tutte porche, soprattutto quelle di 18 anni come me" e con quel suo ghigno lurido mi disse che mi conveniva essere carina e sorridergli un pò di più quando lo incrociavo nei corridoi... io restai esterefatta, lui poteva avere il doppio se non di più dei miei anni ed era un mio datore di lavoro, come poteva parlarmi in quel modo? Gli dissi di non usare quel linguaggio con me, di lasciarmi stare e farmi fare il mio lavoro. Il giorno seguente mi fece chiamare da un altro responsabile che mi disse che per qualche giorno non c'era bisogno di me al lavoro... Mi richiamarono dopo tre settimane consigliandomi di essere più educata.

Tu devi scegliere tra me, Dio e lo stipendio, perché lo stipendio te lo do io e io sono il tuo Dio. Qui Allah non esiste”. Frasi del genere il responsabile le rivolge spesso a me e ad altre mie colleghe in riferimento al nostro essere mussulmane. Sono capitate di frequente delle convocazioni solo per noi ragazze marocchine in cui ci veniva rimproverato di fare troppi figli. D'ora in poi se avessimo avuto l'intenzione di rimanere in cinta avremmo dovuto comunicarlo prima all'azienda che avrebbe deciso se ciò poteva essere possibile, ma in ogni caso, ci dicevano: è meglio se usate i contraccettivi!

Mi si diceva : “Come sei bella! Fammi veder come balli la danza del ventre”. Una volta lui si avvicinò a me e mi toccò in maniera impropria baciandomi sul collo. Io mi irrigidì e lo pregai di non farlo mai più. Di fronte ai miei espliciti rifiuti il suo atteggiamento cambiò e le sue attenzioni mutarono in atteggiamenti punitivi. Venivo spostata continuamente di reparto. Mi venivano addebitati errori che io sapevo di non aver fatto. Mi furono negate sistematicamente le ferie che in tre anni non potei mai fare, nemmeno per un solo giorno.

Rete Camere Popolari del Lavoro