[Roma] SDA: gli attacchi squadristi non ci fermeranno!

Facchino SDA menato al picchetto

Sulla lotta dei facchini SDA e la loro coraggiosa ed importante resistenza ad un piano di ristrutturazione, volto a impedire ogni agibilità sindacale, abbiamo già scritto molto. Dopo i diversi tira e molla tra azienda e lavoratori che si sono susseguiti in questi ultimi giorni a Bologna, i facchini ed il loro sindacato SiCobas hanno deciso di dare un’ulteriore risposta forte e determinata a livello nazionale: a partire dalla notte tra Lunedì e Martedì sono entrati in sciopero a Roma e Carpiano (dove l’adesione è stata del 100%), bloccando il flusso di merci e quindi i profitti dell’azienda.

Quello che ci preme adesso è pero far conoscere e capire quanto accaduto oggi a Roma: di fronte ad un picchetto che sin dalle 4 del mattino era riuscito a impedire l’entrata e l’uscita dei camion (e dei crumiri) e alla iniziale passività delle forze dell’ordine, l’azienda ha pensato di organizzarsi per conto proprio. Verso le 7, sfruttando ed alimentando l’ostilità e la rabbia di decine di driver costretti a sospendere il lavoro per via del blocco, un gruppetto di capi reparto e caporali (padroni delle cooperative) ha attaccato violentemente il picchetto sfoderando un armamentario di manganelli telescopici, caschi e bottiglie portato appositamente per l’occasione. Un attacco premeditato che ha comportato il grave ferimento di un lavoratore (che ha subito una frattura dell’orbita oculare senza riportare, per fortuna, danni permanenti) e a diversi altre pesanti contusioni di lavoratori e solidali.
La polizia ha assistito al tutto praticamente senza intervenire. Quando poi sono accorse altre volanti e infine la celere, tutto quello che le forze dell’ordine hanno fatto è stato minacciare un’ulteriore carica se il blocco non fosse stato rimosso. Intanto gli aggressori rimanevano a piede libero per tutta la mattina, ben protetti dietro i cancelli dei magazzini, e solo la pressione di lavoratori e solidali ha portato almeno alla loro denuncia.
Non sappiamo se dietro questo gesto vile si nascondesse proprio l’intenzione di provocare l’intervento delle forze dell’ordine, che in effetti non erano sembrate sin da subito a disposizione dei capricci dell’azienda, ad ogni modo la situazione incandescente generata da questo attacco squadrista è andata a favore dei profitti dell’SDA.
Questo attacco fascista non è riuscito però a impedire il proseguo dello sciopero, che è continuato fino al primo pomeriggio. Diciamo fascista perché questo era nella sua essenza: una forma di violenza esplicita ed organizzata che interviene laddove a tutelare gli interessi dei padroni non basta quella legale dello Stato. Il tutto chiaramente condito del razzismo del caso, rivolto ad una forza lavoro a grande maggioranza immigrata e quindi doppiamente ricattabile.
Anche per questo è di estrema importanza strategica la solidarietà dimostrata dai colleghi degli altri magazzini che verso la sera hanno dato vita a scioperi di solidarietà di una-due ore a Carpiano, Bologna, Padova e a Roma stessa. La determinazione dimostrata dai lavoratori e il coraggio della loro risposta, assume allora un significato che va al di là della vertenza in questione, ricordando a noi che la solidarietà è un’arma e ai padroni che se toccano uno, toccano tutti!

Qui la corrispondenza dal picchetto su Radio Onda Rossa

Qui il comunicato di solidarietà dell'Assemblea No Jobs Act Firenze

Un video che spiega la dinamica dell'aggressione:

Un video che spiega le ragioni della lotta:

 

b_300_0_16777215_00_images_02_lotte_cosa_si_muove_2015_05_19_sciopero_SDA_facchino_sangue.jpg

b_300_0_16777215_00_images_02_lotte_cosa_si_muove_2015_05_19_SDA_sciopero_polizia.jpg

 

Rete Camere Popolari del Lavoro