Mappatura ( parziale e non esaustiva) delle vertenze in corso in Campania

b_300_0_16777215_00_images_02_lotte_cosa_si_muove_2015_05_20_vertenze_campania.jpg

NAPOLI
Nel settore sanità non si sbloccano le vertenze in corso, sia da parte dei lavoratori della sanità privata che da parte degli utenti della sanità pubblica. Ancora incerta è la situazione delle lavoratrici e dei lavoratori licenziati a Villa Bianca, dove il padrone utilizza il ricatto del licenziamento per fare pressione per il rinnovo della convenzione con la Regione Campania che, dal canto suo, non si muove. Lo sciopero, indetto per lo scorso 30 Ottobre, alla fine è stato revocato.


Statica anche la situazione che riguarda la clinica Villa del Sole, i cui lavoratori sono stati messi in mobilità due anni fa, hanno terminato il sussidio di disoccupazione ma continuano a lottare per ottenere la riapertura della clinica e di conseguenza il lavoro. Nel frattempo, nonostante la disastrosa situazione del servizio sanitario regionale, con interi reparti che chiudono come nel caso dell'Ospedale San Gennaro a Napoli, l'assessore regionale Lidia D'Alessio annuncia, apparentemente senza vergogna, un probabile, ulteriore aumento dei ticket sanitari a partire dall'anno prossimo.

Nella provincia ancora poche novità per i lavoratori della Ex Montefibre di Acerra. Il 28 Ottobre scorso la commissione Attività Produttive della Regione ha chiesto al Ministero l'attivazione di un tavolo per chiedere la revisione dell'accordo di programma e il rilancio di un polo chimico nell'area, con l'assorbimento di circa 500 lavoratori. Al momento però i lavoratori, che nelle scorse settimane hanno protestato con blocchi stradali, restano in cassa integrazione.

Mentre la CMG, ditta di pulizie dei mezzi ANM, ha revocato la procedura di mobilità iniziata il 20 Agosto, revocando con essa anche i licenziamenti, la EPM, impresa di pulizie di Giugliano, ha annunciato la mobilità per 185 dipendenti, di cui 70 a part-time. Imminente un incontro in Prefettura coi sindacati.

Stessa situazione per la SACCIR, che si occupa della manutenzione degli impianti Alenia e ha annunciato la mobilità per i 15 dipendenti che ha ereditato dalla precedente appaltatrice SIMAV. I sindacati annunciano, a partire dalla settimana prossima, SCIOPERI a OLTRANZA.

Continua, sempre a Napoli, la protesta dei 9 cassintegrati della Ditta “Giardini”: la ditta, che per 25 anni ha avuto l'incarico della manutenzione delle vie interne del Centro Direzionale, ha messo in mobilità i lavoratori dopo che le strade interne sono diventate di competenza del Comune, anche per la pulizia. Nessuna garanzia occupazionale per i 9 lavoratori, in servizio da 25 anni, è venuta né dal Comune nel dal consorzio di proprietari del Centro Direzionale.


AVELLINO
All'Ospedale Moscati gli addetti al trasporto infermi all'interno della struttura, della ditta Tecnoservice non ricevono lo stipendio da OTTO MESI, ed hanno per questo iniziato una protesta. A giorni ci sarà un tavolo in Prefettura, mentre la direzione amministrativa dell'ospedale ha indetto una nuova gara d'appalto.


BENEVENTO
11 lavoratori del Consorzio Agrario su 25 sono stati licenziati, la vicenda è arrivata sul tavolo del ministro Martina.


SALERNO
E' sempre più concreta la possibilità di indizione di uno sciopero generale regionale della sanità, dopo l'incontro dei sindacati col subcommissario regionale Cinque. Sul tavolo i problemi dei mancati scatti stipendiali, dei troppi straordinari e dei pensionamenti non rimpiazzati per blocco del turn-over.

 

Rete Camere Popolari del Lavoro