[Pisa] Enrico Formisano, ucciso dal lavoro (nero)

b_300_0_16777215_00_images_2016_03_14_mortosullavoronero.jpg

Lavorava a nero, senza copertura assicurativa e senza alcuna tutela, Enrico Formisano, l’operaio campano di 37 anni, morto giovedì pomeriggio travolto dalle scenografie di “Medea”, spettacolo teatrale.

Purtroppo questo decesso non è un “incidente isolato”, prima di lui, ricordiamo – sempre nel circoscritto mondo dello spettacolo – Francesco Pinna (per il palco di Jovanotti) Matteo Armellini (per il palco della Pausini), Khaled Farouk Abdel Hamid (per il palco dei Kiss). A Roma, infatti, è nato il Collettivo Autorganizzato Operai dello Spettacolo proprio per rivendicare migliori condizioni di vita e di lavoro.

I numeri parlano chiaro: “i decessi sul lavoro nel 2015 sono aumentati del 43% in Toscana, rispetto all'anno precedente. Dai 76 casi del 2014 ai 109 dell'anno conclusosi soltanto poco più di due mesi fa. La provincia di Firenze guida la triste classifica di morti bianche con 22 vittime total [..] il territorio pisano segue con 16 decessi”, come riportato dall'Osservatorio sulla Sicurezza Vega Enegeneering

I giornali locali, nelle prime ore, avevano liquidato velocemente la tragica morte di Enrico dicendo che i lavoratori “dovevano aspettare dei colleghi da Genova, ma per recuperare tempo lui [Enrico] ha cominciato a scaricare le scenografie”, come se fosse stata “tutta colpa sua”, come se avesse avuto fretta.

Ma non ci tornava. Infatti dopo poco, arrivano i comunicati dei sindacati di base Cobas e Usb che denunciano le condizioni dei lavoro dei magazzinieri: dall'inquadramento contrattuale i, ai ritimi, alla sicurezza, come ci ricordano i lavoratori del Teatro Goldoni di Livorno. Ed ecco, infatti, che oggi apprendiamo dai giornali che “I carabinieri di Pontedera, intervenuti insieme al personale del dipartimento di prevenzione dell’Asl (medicina del lavoro) subito dopo la tragedia, hanno avuto molte difficoltà, considerato anche le reticenze di chi si è trovato a dover ammettere una scomoda verità, nel ricostruire il rapporto di lavoro che l’operaio aveva con l’azienda “Liberato Massimo srl” di San Giorgio a Cremano, una delle più conosciute nel settore dei trasporti per i teatri [..] Che la posizione della vittima, per quanto riguarda contributi e contratti, potesse non essere regolare era stato ipotizzato già nei minuti successivi alla tragedia. Lentamente, poi, la verità è emersa. L’operaio, che abitava ad Ercolano, di fatto aveva una collaborazione con l’impresa “Liberato Massimo”, anche se dai resoconti del pagamento di stipendi e contributi non risulta la continuità formale del rapporto. Ci sono poi aspetti dell’inchiesta che riguardano la sicurezza nei luoghi di lavoro: anche questi sono al vaglio di carabinieri e Asl..”

Per questo rilanciamo con tutta la nostra rabbia e determinazione, la campagna contro il lavoro nero, avviata dai compagni della Camera Popolare del Lavoro all'Ex Opg di Napoli.

BASTA MORTI SUL LAVORO

Rete Camere Popolari del Lavoro