[Bergamo] Presidio dei lavoratori Italcementi: isolati e monitorati, ma senza paura

b_300_0_16777215_00_images_02_lotte_2016_04_26_italcementi_bergamo.jpg

da Bg Report   
 
L'altro ieri, dalle ore 16:00, si è tenuto un presidio dei lavoratori di Italcementi in piazza Dante a Bergamo.

Nonostante la richiesta fosse stata avanzata per Piazza Vittorio Veneto, ben più visibile, la questura ha negato lo spazio a causa di un “presidio di migranti” già prenotato da tempo; in realtà, però, la piazza è risultata poi libera. Il presidio è stato indetto in seguito ad un’assemblea interna che ha visto l’attiva partecipazione dei lavoratori, appoggiati dalle RSU, a cui è seguito a ruota l’appoggio della FILLEA-CGIL. Nonostante questo, i lavoratori sono stati chiari nel bandire le bandiere dei sindacati confederali, che in questa situazione, come anche durante l’ultimo sciopero, hanno partecipato a traino di una serie di decisioni dal basso.

Ci si dovrebbe interrogare soprattutto sul perché, dopo mesi di trattative, due terzi dei lavoratori siano a rischio e le aspettative in attesa del closing non siano affatto rosee. Una risposta a queste domande è stata fornita dai quadri dirigenziali stessi, come riportato nell’intervento dei Clash City Workers, che hanno letto, in chiusura, un passaggio del bilancio Italcementi dell’anno scorso: in questo documento, i piani di ristrutturazione interni all’azienda (ovvero i licenziamenti) sono stati definiti infatti possibili grazie alla scarsa resistenza delle sigle sindacali, che hanno tra l’altro sottoscritto i tavoli di trattativa.

Ai circa 200 presenti, lavoratori con famiglie, si sono aggiunti un buon numero di solidali, definiti “outsiders” dall’Eco di Bergamo, che, a quanto pare, non riesce a concepire alcun meccanismo di mutuo soccorso. Con cartelli e volantini i manifestanti hanno attirato l’attenzione dei passanti e hanno animato la piazza, dove si sono poi susseguiti diversi interventi: i funzionari CGIL e CISL hanno dichiarato ciò che ripetono da circa sei mesi in ogni occasione di sciopero o di intervento pubblico, scaricando interamente la responsabilità sulle “istituzioni che non vengono incontro ai lavoratori”. A spezzare il leitmotiv è stato necessario l’intervento delle RSU, che hanno riportato una visione più concreta dello svolgersi delle trattative, e i cui rappresentanti hanno riscosso un maggiore consenso e una maggiore simpatia, dettata soprattutto dall’impegno costante durante lo svolgimento degli eventi nella sede Italcementi e nel CTG. Era presente inoltre l’RSU della cementeria di Calusco, che non ha mai perso occasione di dimostrare solidarietà ai colleghi della sede centrale. Infine, hanno chiuso gli interventi i Clash City Workers, che seguono e appoggiano la lotta dei lavoratori di Italcementi, invitando a una resistenza unitaria e a un aumento della conflittualità, unico modo per ottenere risultati e risposte concrete.

La situazione di ieri si è rivelata ancora una volta esemplificativa del clima che si respira nella città di Bergamo quando una figura come Carlo Pesenti viene messa in discussione: i manifestanti sono stati isolati, monitorati dalla Digos e autorizzati, al massimo, a qualche giro dell’oca. Nonostante questo, i lavoratori non si stanno arrendendo e riescono sempre a mettere in gioco una grande dignità; non sono infatti disposti ad accettare le condizioni che vengono loro imposte senza avere voce in capitolo. Si attende ora lo sciopero del 29 Aprile chiamato dalle sigle confederali.

 

Rete Camere Popolari del Lavoro