[Roma] Vergognoso attacco alla libertà di parola e all'attività sindacale all'ospedale Spallanzani

b_300_0_16777215_00_images_2017_07_21.jpg

Roma. Martedì 18 luglio, alle ore 8.30, presso l’ospedale Spallanzani di Roma, i lavoratori e le lavoratrici dell’ospedale e di altre realtà in lotta nella capitale hanno svolto un presidio di solidarietà per Alessia e Lorenzo, infermieri e rappresentanti sindacali COBAS chiamati a rispondere davanti al collegio disciplinare sotto la minaccia di licenziamento.

La motivazione del procedimento disciplinare fa rabbrividire. I due lavoratori sono infatti “rei” di aver compiuto semplicemente il loro dovere, ossia di aver pubblicamente denunciato i vergognosi risultati di anni di politiche di privatizzazioni selvagge e di tagli indiscriminati ai servizi pubblici essenziali: carenze di personale, condizioni di lavoro sempre peggiori, a partire da un assurdo regime orario che non risparmia neanche i turni notturni, una conseguente diminuzione della qualità dell’assistenza e dei servizi e la chiusura di reparti. Il tutto condito da una direzione dell’ospedale che ha assunto un atteggiamento sempre più dirigista e verticista, che vuole precludere ai lavoratori ogni confronto riguardo alle decisioni intraprese.
Evidentemente i lor signori, non contenti di questa progressiva distruzione della Sanità Pubblica, a tutto vantaggio del profitto privato e della logica aziendalista, ben consci della sostanziale irrazionalità delle loro decisioni, vogliono evitare anche che i lavoratori esercitino i sacrosanti diritti di critica e di informazione. Così facendo essi tradiscono la loro paura. Paura perché le lavoratrici e i lavoratori hanno alzato la testa, e, costituendo un Coordinamento, stanno organizzando un’opposizione alle scellerate politiche sanitarie volute dai padroni e avallate dalle varie giunte regionali e dai vari governi, cercando di estendere la coscienza dei propri diritti a tutti i lavoratori del settore (amministrativi, tecnici, ausiliari) e ai pazienti e di coinvolgerli nella lotta. In poche parole solidarietà e coscienza di classe: due ottimi antidoti alla “peste” infettiva rappresentata dalle politiche padronali.
In questo senso è importante sottolineare la presenza al partecipato presidio di numerose altre realtà di lotta (ex-Almaviva, Sky, Aci Informatica), una partecipazione importante che preannuncia future mobilitazioni perché il caso che ha coinvolto Alessia e Lorenzo è veramente emblematico di una filosofia di direzione aziendale che pretende il potere assoluto e la negazione di ogni libertà di espressione e di critica. Un caso che deve trovare la solidarietà di tutti i lavoratori.

ALESSIA E LORENZO SON PARTE DELLA NOSTRA LOTTA. GUAI, GUAI, GUAI A CHI LI TOCCA!

Clash City Workers – Redazione La Città Futura

Rete Camere Popolari del Lavoro