[Giugliano - Na] Sciopero dei lavoratori delle pulizie "De Luca" presso l'Auchan

2014_11_4_auchan_giugliano.jpg

Ieri mattina, 4 Novembre, le lavoratrici e i lavoratori della “De Luca”, ditta che si occupa di servizi di pulizie, hanno incrociato le braccia, armati di striscione e volantini hanno organizzato un presidio e volantinaggio presso l’ingresso della Galleria Commerciale del centro Auchan di Giugliano (NA).

Lamentavano già da mesi problemi che riscontravano quotidianamente sul posto di lavoro, ma finalmente, dopo essersi mostrati uniti e decisi nelle loro rivendicazioni sono riusciti ad ottenere un in incontro, in via del tutto eccezionale, che ha visto chiamare in causa il responsabile del lavoro della Galleria, il sindacato ed una delegazione di lavoratori. 
Attraverso questo primo incontro le lavoratrici e i lavoratori hanno avuto modo di denunciare le loro reali condizioni lavorative, condizioni che hanno visto un netto peggioramento quando lo scorso Gennaio c’è stata all’interno della Galleria un passaggio di cantiere per quanto riguarda le mansioni di pulizie e l’azienda “De Luca” ne ha assunto la gestione.  

I dipendenti in questa giornata non hanno chiesto certo la luna, ma solo che venissero rispettati gli accordi presi lo scorso Luglio tra l’azienda "De Luca" e i suoi dipendenti. Accordi che ad oggi sono ancora disattesi.


Attraverso questo incontro hanno avuto modo anche di far capire alla direzione che loro non sono più disposti a lavorare senza dispositivi di protezione individuali (cioè in assenza di guanti, di scarpe da lavoro o armadietti),  tutto materiale per il quale la direzione del centro ha promesso che si impegnerà a provvedere. 
Un altro passo in avanti di questa giornata di mobilitazione è stato ottenere l’appuntamento per un prossimo incontro, con data ancora da definire ma entro una settimana da oggi, che vedrà coinvolti anche i responsabili dell’azienda  De Luca.


Purtroppo delle volte per farsi sentire c’è bisogno di urlare, ma questo certo non ci spaventa, perché se così fosse siamo pronti ad impugnare i megafoni! 

 

Centro commerciale