Lavorare per EXPO: storia di un colloquio a carte scoperte

colloqui all'expo

Ripubblichiamo una testimonianza inviataci da una giovane neolaureata milanese che, come migliaia di altri giovani, è in cerca di lavoro… e ha trovato invece EXPO e le sue logiche di sfruttamento.

Un piccolo contributo per evitare a tante e tanti lo stesso sentimento di frustrazione, sperando che il lavoro gratuito che EXPO offre vada diserto, che tanti ragazzi e ragazze prendano consapevolezza che non dobbiamo per forza svenderci… Mandateci altre testimonianze, le vostre esperienze etc!

Se ho deciso di dedicare qualche riga e un po’ di tempo a quest’esperienza è per suggerire a tutte le persone a cui si presenterà l’opportunità di lavorare per Expo di impiegare il loro tempo in altro modo, che si tratti anche solo di quel paio d’ore che solitamente se ne vanno per fare un colloquio, tra andata, strette di mano, chiacchierata, le faremo sapere, ritorno... Due ore perse nella vita non sono poi così poche!

Milano. In viaggio verso la sede del colloquio. Mi piacerebbe davvero tanto lavorare in un’agenzia di viaggi, penso, speriamo bene. Per arrivare preparata, ho dato uno sguardo al sito della società. Ha aderito all’Expo, ma magari, ipotizzo, non riguarda la parte che mi interessa. Ormai sono qui, vediamo di cosa si tratta.

Dopo presentazioni e strette di mano, la mia esaminatrice passa subito al dunque e mi spiega che l’Alessandro Rosso Group ingloba moltissime società a livello nazionale e internazionale che offrono un’ampia gamma di servizi, dai viaggi ai progetti di comunicazione, dalle convention agli eventi e così via. Dopo avermi chiesto in che settore fossi interessata a collaborare (la società per cui avevo fatto domanda era un Tour Operator), mi spiega velocemente che in realtà tutti i settori del Gruppo, durante il 2015, sono coinvolti nell’evento Expo.

Il Gruppo, continua, è il primo rivenditore autorizzato di Expo Milano 2015, motivo per cui è in cerca di “giovani volenterosi” che abbiano voglia di lavorare, tramite stage formativi retribuiti e non, per un evento di fama internazionale.

Le interesserebbe dunque fare uno stage formativo per Expo con il nostro Gruppo? Mi motivi la sua risposta”.

No, non mi interessa, penso io, perché un’idea di ciò che ti aspetta se lavori per Expo già ce l’ho e l’ipotesi di lavorare gratis (come il 90% dei lavoratori di Expo) o sottopagata (come il restante 10%) proprio non mi alletta. Ciò che mi interessa, però, è vedere che tipo di proposta mi farà, capire per quali criteri rientrerò tra i volontari o tra i sottopagati e, soprattutto, vedere in che modo verrà affrontata la fatidica questione che si suole riservare agli ultimi secondi dell’ultimo minuto del tipico colloquio per uno stage: la possibilità di assunzione.

Certamente, sono interessata. Sono sicura che nel fare un’esperienza del genere ci sia molto da crescere e da imparare”.

Mi sorride, forse per il buon esito della sua domanda retorica. Ma è l’ultimo sorriso che mi concede, prima di sottopormi a ciò che definisce come uno stress-test per valutare la mia capacità di problem-solving. Iniziano a piovermi addosso una serie di domande a raffica per osservare le mie reazioni in una situazione altamente stressante, facendomi ad esempio immaginare di trovarmi in un negozio a piegare vestiti e a dover soddisfare dieci clienti che sono arrivati alle mie spalle e di cui io non conosco l’ordine di arrivo, il tutto mentre il mio capo mi chiama, richiedendo urgentemente la mia presenza nel suo ufficio.

Expo, mi spiega, è un grande evento, e come ogni grande evento comporta un alto livello di stress e di tensione. E poi le ore di lavoro sono tante (fino a 10 al giorno) e bisogna disporre di molta flessibilità negli orari. Mi chiede se penso di poter sopportare tanto stress. Le concedo un’altra risposta affermativa ad un’altra domanda sfacciatamente retorica.

Questa volta non sorride ed è serissima nel dirmi che posso considerarmi fortunata. Essendomi laureata pochi mesi fa, infatti, rientrerei nella cerchia di coloro a cui spetta lo stage retribuito poiché, secondo la politica del Gruppo, chi si candida per la partecipazione allo stage per Expo entro undici mesi dalla data di laurea ha diritto ad una retribuzione di ben… 400 euro al mese!

Ecco che mi vengono chiariti i criteri in base a cui viene stabilito se, per il mio lavoro svolto, ho diritto o no alla retribuzione. In altre parole, penso, sono “fortunata” perché sono neolaureata. Ma per quale motivo una persona non laureata o laureata da più tempo non ha diritto al mio stesso (seppur inadeguato) stipendio?

Il punto è che, cerca di convincermi, lavorare per Expo è un’esperienza talmente unica da inserire nel proprio CV che la maggior parte delle “risorse” sono disposte a farlo come volontari (cioè gratis!), perché, è bene capirlo fin da subito, si dà ormai per scontato che sia necessaria un’esperienza da stagista (retribuita o non) prima di qualunque assunzione in qualsiasi azienda. E farlo per Expo è una grande opportunità.

Poi, aggiunge con una sincerità disarmante, è chiaro che adesso le aziende abbiano bisogno di tante nuove risorse che, terminato Expo, non potranno tutte essere assunte. Proprio per questo, incalza, è necessario dare il meglio di sé e spiccare sugli altri.

Poi si sofferma sulla motivazione che le ho dato riguardo il mio interesse per lo stage: con aria di rimprovero si definisce sorpresa per la mia aspettativa di crescere ed imparare in quanto, mi spiega, il tempo di imparare è ormai finito poiché tutto ciò che c’era da imparare andava imparato a scuola o all’università, non certo durante uno stage formativo (spiegami dunque il “formativo”, mi verrebbe da dirle…). Ma, aggiunge, se proprio sono brava ad imparare dalle occhiate che mi lancerà il mio capo (che, ovviamente, non è lì per spiegarmi le cose), allora sì che sarà migliore degli altri e che potrò mostrarmi superiore.

Devo ammettere che non mi sarei mai aspettata tanta sincerità da un colloquio per Expo, in cui, in pochi minuti, sono emersi alcuni elementi che sarebbero stati chiari perfino ad una persona che di Expo non ha mai sentito neanche parlare. Vale a dire:

a) il grande evento di fama internazionale non è, innanzitutto, un evento che “porta lavoro”, in quanto la maggior parte dei lavoratori al suo interno non viene retribuita per il lavoro svolto, mentre la rimanente parte non percepisce una remunerazione adeguata rispetto al numero di ore di lavoro svolte;

b) l’idoneità per la retribuzione viene stabilita in base a criteri variabili (in questo caso il requisito era la presentazione della domanda entro undici mesi dalla laurea… e negli altri casi?);

c) le possibilità di assunzione all’interno dell’azienda in seguito allo stage per Expo sono più che limitate, poiché le risorse di cui ora l’azienda ha bisogno per un evento che possiamo definire extra difficilmente troveranno poi una collocazione al suo interno, essendo in fin dei conti anch’esse risorse extra;

d) dal momento che si dà ormai per scontata la necessità di un’esperienza da stagista prima di qualsiasi assunzione, a tutti gli stagisti di Expo spetterà una comune esperienza successiva, ossia un altro stage da un’altra parte in cui forse ti danno almeno l’illusione di una futura assunzione (perché dunque perdere tempo in un’esperienza limitata nel tempo come Expo, in cui l’assunzione diventa un miraggio?);

e) l’aria che si respira è ancora una volta quella della più sfrenata competizione, nel tentativo di farci schierare l’uno contro l’altra, in una lotta in cui a vincere sarà il migliore.

Proprio per queste ragioni penso che dovremmo essere uniti nella lotta contro il lavoro non pagato e sottopagato, contro l’ovvietà di un percorso che, prima di farci giungere a condizioni forse dignitose, ci obbliga a passare per la negazione di qualsiasi diritto del lavoratore, contro un sistema che arriva a proporci di lavorare gratis perché dà per scontato che accetteremo, perché siamo quelli del “meglio poco che niente”.

Rete Camere Popolari del Lavoro