[Fusina - Ve] Sciopero all'Alcoa

Il salario dei lavoratori ancora sotto attacco!
Questa volta è il turno di una multinazionale statunitense con sede a Fusina (VE), uno dei leader mondiali per quanto riguarda i laminati dell’alluminio; stiamo parlando dell’Alcoa che congelando di fatto la contrattazione di 2° livello e sospendendo le indennità di turno potrebbe arrivare a togliere ben 500€ dalla busta paga dei lavoratori. I quali hanno proclamato 2 ore di sciopero per turno nella giornata di martedì 25 Marzo.

Sciopero all'Alcoa

L’azienda vuole usare la scusa del buco di bilancio del 2013, ben otto milioni di euro, ma i lavoratori rispondono che ripianare il deficit rifacendosi sui loro salari permetterebbe di risparmiarne soltanto uno. Inoltre “i nostri” ricordano che quello che manca è un vero e proprio Piano Industriale. Infatti la direzione ha sempre disertato i tavoli di confronto che riguarderebbero l’organizzazione del lavoro e l’efficienza interna per poter produrre laminati ad alta qualità e quindi più remunerativi. Si teme che in realtà l’azienda abbia già deciso di delocalizzare altrove la produzione e possa così sbarazzarsi senza remore dei 300 lavoratori impiegati

Rete Camere Popolari del Lavoro