Sciopero degli scrutini contro la "Buona Scuola"

La buona scuola siamo noi

C'è chi diceva che ormai la “Buonascuola”, la controriforma della scuola del governo Renzi, era passata e sarebbe stato difficile se non impossibile fermare questa ennesima riforma che corona un processo più che ventennale di privatizzazione (ovvero di gestione rispetto a canoni privati anche se rimane pubblica) della scuola.

Scuole costrette a giocare in due campionati differenti a seconda che gli studenti provengano da famiglie ricche oppure da famiglie che devono capire come arrivare alla fine del mese, insegnanti precari a vita con incarichi ogni tre anni e valutazioni sulla base di una produttività che ha poco a che fare con la qualità dell'insegnamento, l'eliminazione della contrattazione collettiva e gli studenti delle scuole secondarie costretti a lavorare invece che studiare ( che come dice Jovanotti è bello fare esperienza lavorando “a gratis”) sarebbero stati senza dubbio il nostro futuro, ma lo riuscitissimo sciopero del 5 Maggio, i problemi in parlamento, batosta alle elezioni regionali e questo sciopero stanno mettendo i bastoni fra le ruote ai piani di Renzi.
La scorsa settimana insegnanti delle scuole di ogni ordine (soprattutto delle superiori) hanno deciso di rilanciare e lo sciopero degli scrutini. Sembrava una sfida molto difficile da vincere, eppure ha riscontrato una grande partecipazione.
Sciopero che gli insegnanti fanno a rotazione, ogni ora, così da bloccare il massimo numero possibile di valutazioni: si parla dell'80% di scrutini rinviati e il 40% delle scuole a “scrutini 0”. Professori e insegnanti hanno deciso uno sciopero che di fatto ha rinviato di una settimana le valutazioni finali, che ha provocato qualche disagio per gli studenti e le famiglie e che li vede a dover recuperare negli orari più strani per rispettare la legislazione, ma allo stesso tempo si rendono conto che fermare questa riforma è prioritario e non rimandabile.
“Riforma” che non arriva da sola: è al contrario complementare alla distruzione dei diritti sui luoghi di lavoro a cui conducono le misure prese nel Jobs Act.
Ma da questa situazione i lavoratori possono trovare un vantaggio: se queste due riforme vanno di pari passo, possono andare di pari passo anche le opposizioni a questi progetti, così da far diventare la resistenza a queste trasformazioni un'offensiva per riconquistare occupazione, salari, condizioni di lavoro e di vita.
Questo sciopero degli scrutini ha provocato reazioni scomposte, da chi parla di atto criminale a dirigenti scolatici che chiamano i carabinieri o denunciano gli scioperanti con l'unico scopo di intimidire e impedire la protesta. Ma non è tutto. Il prossimo anno scolastico, infatti, minaccia di aprirsi all'insegna del ritardo e della confusione: l'assegnazione delle cattedre per coprire il normale turnover dei docenti pare essere ancora in alto mare e gli studenti potrebbero trovarsi a dover aspettare anche mesi, prima di riuscire a seguire regolarmente le loro lezioni.

Nel frattempo il sindacato COBAS ha annunciato per mercoledì 17 proteste in tutta Italia e una manifestazione a Roma in concomitanza con il voto in commissione, mentre se il ddl dovesse comunque arrivare al voto in Aula si annunciano manifestazioni unitarie in ogni città.

Rete Camere Popolari del Lavoro