[Napoli] Le lavoratrici bloccano l’attività della clinica Villa Bianca

2016_05_09_villa_bianca.jpg

La settimana scorsa 27 lavoratrici della clinica Villa Bianca di Napoli si sono viste recapitare a casa le lettere di licenziamento.

Una vera doccia fredda per chi tutto questo inverno ha lottano contro questa procedura e che è riuscito tramite presidi e scioperi ad obbligare azienda, ASL e regione a sedersi al tavolo per scongiurare questa ipotesi.

L’ultimo incontro ha visto la regione e l’ASL prendersi l’impegno a di capire entro 120giorni quali sono le possibilità affinché la struttura riceva assegnati dalla regione altri posti letto, misura che potrebbe far ingrossare le tasche dei padroni e garantire l’occupazione ai lavoratori.

Purtroppo le promesse sono servite a poco, il 31 Maggio è il termine ultimo per il licenziamento e le promesse non sono mai diventati fatti.

Così, domenica il giorno della festa della mamma, uno dei punti nascita più grandi di Napoli è stato occupato. Le lavoratrici in stato di assemblea permanente stanno impedendo alla struttura di accogliere nuovi ricoveri, garantendo solo le urgenze legate al reparto di osteria si resta in attesa che l’ultima decina di ricoverati venga dismesso. L’intenzione è quella di fermare le attività della clinica fino a che la situazione non cambierà.

Domani mattina c’è un incontro alla regine tra le parti, l’appuntamento è alle 9:30 all’isola C3 del centro direzionale. Solo il protagonismo e la rabbia di chi da un giorno all'altro si ritroverà senza un lavoro potrà smuovere queste stato di stagnazione.

Rete Camere Popolari del Lavoro