Sullo sciopero della logistica del 22 marzo e oltre

Ci siamo. Dopo tanti anni passati davanti ai cancelli dei vari luoghi della logistica, si prova a fare un importante passo in avanti.
I lavoratori del settore lo vogliono e lo hanno costruito con la loro fatica quotidiana fatta di nottate al freddo e a respingere provocazioni e manganellate.

Lo vogliono perchè è una risposta di grande dignità contro caporali, sindacati confederali complici e istituzioni conniventi con sistemi schiavistici e mafiosi di sfruttamento. Lo vogliono perchè è molto tempo che hanno iniziato a riprendersi ciò che loro spetta e non vogliono fermarsi.

Infatti, tanti anni sono passati da quando ad Origgio, dopo mesi di lotta, alla vigilia di natale si strappava una vittoria importante con accordo e rientro di tutti  con in più il fondamentale riconoscimento dei sindacato di base come vero rappresentante dei lavoratori. Da allora tante vittorie e anche qualche sconfitta. Da allora il livello di scontro con tutti i vari livelli repressivi (da quello delle forze dell'ordine a quello dell'isolamento razzista voluto da istituzioni: su tutti il caso ikea piacenza) è andato progressivamente aumentando.
La risposta è sempre stata importante: i lavoratori e i solidali hanno costruito intelligenza nell'intervento, compattezza e grandissima solidarietà.

Da Milano a Piacenza, da Bologna a Padova e così via, masse di lavoratori e militanti antagonisti hanno attraversato i territori per raggiungere e costruire forza senza mai che gli  uni sovradeterminassero altri. Anzi si è costruito un fronte compatto tra soggetti paritari che sanno utilizzare comitati di lotta specifici, sindacato di base, coordinamenti a seconda di quello che la lotta specifica e generale richiede.

E molto importante sono stati in questi anni i contribuiti di molte realtà e molti compagni che trovandosi lontano dallo specifico luogo dell'intervento hanno voluto comunque esserci. Sono coloro che hanno dato vita a iniziative per la cassa di resistenza dei lavoratori licenziati; sono coloro che hanno bombardato i siti dei committenti delle cooperative sfruttatrici (su tutti il grande danno d'immagine a ikea attraverso il blog della casa svedese); i presidi di solidarietà davanti ai negozi come Esselunga, billa, ikea...
Un gran lavoro in costante collegamento con chi davanti ai cancelli riprendeva la pratica (volutamente dimenticata dai sindacati complici) del blocco dell'attività durante lo sciopero.

Certo nel corso degli anni sono arrivate denunce (il 29 marzo a Saronno ci sarà l'udienza per il processo su Origgio contro tanti lavoratori e tanti militanti). Un nostro compagno e una nostra compagna sono stati obiettivo mirato di una vendetta "preventiva" della questura che ha portato ad una condanna definitiva a 7 mesi e mezzo e il nostro compagno è in attesa della sua esecuzione.
E' di questi giorni il foglio di via da Piacenza per Aldo Milani (coord.nazionale Si Cobas) e altri militanti. Fatto ancor più grave perchè colpire un sindacalista che sedeva al tavolo delle trattative (a memoria di lotta sindacale fatto mai visto) da il senso di quanto ormai ogni lotta rivendicativa e sociale assuma, per le controparti, la dimensione di scontro aperto ma anche di paura della dimensione che il conflitto sta assumendo.

Ovviamente ciò non ferma niente.

La giornata del 22 è importante per tutti ed è una messa alla prova di quanto diffuso possa essere il fronte. un fronte costruito, stavolta senza retorica o frasi di comodo, veramente dal basso.  I compagni e i militanti hanno appoggiato e costruito insieme senza mai pensare di primeggiare.  
Anzi più volte il contesto in cui ci si è trovato è stato quello di assimilare e imparare. Essere presenti senza parlare di astratta politica, sapendo che la politica è da costruire sul campo e nella quotidianità.

Così si è costruito in questo mese e mezzo assemblee preparatorie.
Mentre il mondo guardava altrove, demandando la soluzione di ogni problema al solito teatrino della politica parlamentare ora investito da un’ ondata di radicalismo interclassista, i lavoratori hanno costruito assemblee in più città nello stesso giorno (3 marzo) con collegamento in streaming e proponendo una piattaforma rivendicativa di grande importanza e concretezza.
Hanno continuato con assemblee davanti ai singoli magazzini. Sono arrivati a metà marzo ad un ulteriore assemblea per tutti tenutasi a bologna e ben riuscita, per poi ricalarsi nei singoli territori per ulteriori confronto per preparare la giornata di questo venerdi

Il risultato è già stato ottenuto: i lavoratori hanno deciso modalità e strumenti.

I lavoratori vogliono dignità e respingono al mittente ogni tipo di provocazione repressiva o mediazione. Mandano un segnale a chi (cgil-cisl-uil) senza legittimità si sta sedendo al tavolo della trattativa nazionale: sono i lavoratori che decideranno.

E se questa settimana è iniziata con il blocco degli straordinari, venerdi i presidi saranno il segnale della compattezza e della dignità.
Segnale che si vorrebbe arrivasse a chiunque lotta.
Perché  il 22 è una tappa di un percorso più complessivo che deve coinvolgere un contesto di cambiamento generale necessario.
Ecco, questo i lavoratori della logistica stanno provando a praticarlo, a partire dai loro bisogni primari con l’unico strumento nelle loro mani: la lotta di classe.

Centro Sociale Vittoria
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.csavittoria.org

Leggi anche...

Commenti e Analisi

Articoli

  • continuano a morire i postini di poste italiane, in un'azienda che continua a chiedere sempre maggiore flessibilità e ore di lavoro ai propri addetti per poter fronteggiare la domanda degli e-retailers,i postini minacciati dalla promessa del rinnovo di brevissimi contratti pagano, anche con la vita, la nuova strategia di PT
    May 20 , 2018

    Lo scorso 4 maggio sulle strade di Comacchio è morto un 26 enne, studente universitario e portalettere a tempo determinato per Poste Italiane. Nicola, così si chiamava, si è scontrato con un camion mentre era alla guida dello scooter con cui consegnava la posta.

  • ancora morti sui posti di lavoro, ancora vittime dei profitti dei padroni, la sentenza per morte del trentenne Matteo Armellini, mentre montava un palco, conferma che si è trattato di omicidio e non di un fatale incidente
    Apr 30 , 2018

    Due giorni fa esplodeva una fabbrica di fuochi d’artificio nel foggiano ferendo due lavoratori; il giorno prima un operaio in picchetto è stato aggredito a causa delle pressioni dei padroni a sfondare il blocco dei lavoratori (come se non avessimo visto già abbastanza con la morte di Abdel Salam!!); ieri un fattorino è stato investito per strada mentre stava consegnando la merce ordinata; senza nominare uno ad uno i 220 morti che dall’inizio dell’anno possiamo già contare.

  • postino
    Jan 24 , 2018
    Vogliamo condividere con voi la lettera che ci ha inviato un postino. Enzo è un compagno, uno di quelli che non si rassegna a vedere le cose scivolare nella barbarie. Così quando ci ha visto apparire ha pensato di affidarci un grido di denuncia. Ci piacerebbe che altri lavoratori faccessero lo stesso, non fosse altro perchè c'è bisogno di capire e riconoscersi.

Commenti e Analisi

Rete Camere Popolari del Lavoro

Clash City Video

lunedì dalle 12 alle 13