[Napoli] Continuano le proteste dei lavoratori del teatro San Carlo

Ascoltiamo la voce dei lavoratori del San Carlo che da alcuni giorni protestano contro le ricadute che il cosiddetto decreto “Valore Cultura” avrà sul loro salario e sulle loro prospettive lavorative.

san-carlo-lotta.jpg

Questo provvedimento – in esame nei prossimi giorni alla Camera – “taglia in modo unilaterale la retribuzione di secondo livello consentendo così alle amministrazioni di ripianare i debiti creati dalle gestioni fallimentari degli ultimi anni a discapito dei lavoratori”, spiegano in una nota le rappresentanze sindacali unitarie del teatro.

I lavoratori, che grazie alle loro proteste hanno fatto sì che venisse annullato il concerto inaugurale della stagione del celebre teatro napoletano (fissato per sabato 28 settembre) con annessa passerella istituzionale ( avrebbe dovuto assistervi, tra gli altri, anche il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano), hanno dimostrato di essere determinati  non mollare e hanno deciso di far permanere lo stato di agitazione e di restare in assemblea permanente fino a quando non avranno avuto risposte certe e chiare su ciò che li aspetta.

Martedì 1 ottobre è stato convocato il consiglio d’amministrazione per capire quale sarà il futuro delle maestranze e degli artisti del San Carlo, speriamo che la lotta paghi!