[Livorno] People Care licenzia: intervista ad una lavoratrice

livorno people care blocco provincia

Si sta chiudendo nel peggiore dei modi la vertenza al call centre People Care di Livorno che coinvolge 450 lavoratori. Ieri (13 marzo) si è consumato l’ennesimo atto in cui la proprietà ha dimostrato ancora una volta che per lei i lavoratori sono solo numeri da far quadrare

in un bilancio in cui il solo fattore importante sono i suoi profitti.

Così l’incontro in Provincia è servito solamente a ribadire la decisione di procedere con i licenziamenti già annunciati a dicembre e che lasceranno per strada 450 lavoratrici dal prossimo maggio. Una decisione, che nonostante un timido tentativo di rinvio da parte del Ministero dello Sviluppo, ha incontrato l’impotenza delle istituzioni locali e l’accondiscendenza del governo Renzi.

È bene ribadire che alla base della decisione di People Care non c’è un supposto calo delle commesse di Seat, il maggior committente di People Care, dovuto ad una congiuntura sfavorevole del mercato, ma la sua volontà di esternalizzare il servizio (probabilmente in Albania) per ridurre i costi della mano d’opera (leggi aumentare i profitti aumentando il saggio di sfruttamento sui lavoratori impiegati lì).

Alla arroganza della proprietà ieri centinaia di lavoratori e solidali si sono opposti con la rabbia e il loro corpo formando una catena umana che ha bloccato tutte le uscite del palazzo della Provincia e costretto gli indegni dirigenti di People Care ad uscire scortati dalla DIGOS e accompagnati dalla rabbia dei lavoratori (vedi video).
Ieri subito dopo la fine del presidio alla Provincia, abbiamo chiamato Elisabetta, lavoratrice People Care, che ci ha raccontato come è andata e ha ribadito l’invito a partecipare il più numerosi possibile alla grande manifestazione in difesa del lavoro a Livorno il 18 aprile, organizzata dal Coordinamento Lavoratori Lavoratrici Livornesi.

Leggi anche:

[Livorno] Sabato 24/01 Corteo "PEOPLE CARE" non si arrende
[Livorno] Perchè è importante e necessario andare a Livorno il 15?

 

Rete Camere Popolari del Lavoro