[Flumeri - AV] Operaio Irisbus si incatena ai cancelli contro le discriminazioni

L'Irisbus ha chiuso ormai da un anno per decisione della FIAT, cioè la proprietà. Da allora è partita la cassa integrazione per gli operai, che avranno diritto a quest'ammortizzatore sociale fino al dicembre 2013. La FIAT si riserva però il diritto di mandare alcuni dei lavoratori in trasferta, vale a dire a svolgere le proprie mansioni in altri stabilimenti del gruppo.

Irisbus - Operaio incatenato ai cancelli

I criteri con i quali sceglie chi mandare in trasferta, con la possibilità di recepire uno stipendio pieno, non sono trasparenti, almeno a sentire gli operai. E stamattina uno di loro ha deciso di mettere in atto una forma di protesta proprio per richiamare l'attenzione su questa questione e per ottenere risposte da parte dell'azienda. Si è incatenato ai cancelli della fabbrica e solo l'intervento dei carabinieri, immediatamente allertati, lo ha fatto desistere.

Il motivo scatenante della forma di protesta è stata la risposta del capo del personale alla sua richiesta di poter lavorare come 'trasfertista'. “Al massimo c'è qualcosa a Suzzara (Mantova) e Bolzano”. Due soluzioni evidentemente impossibili per un operaio della Valle Ufita (AV). Da rimandare al mittente a maggior ragione quando le informazioni in possesso dei lavoratori parlano di altri colleghi mandati ben più vicino, ad esempio a Jesi (AN), come accaduto di recente ad un ex componente del consiglio di fabbrica.

Il sospetto di essere dinanzi ad un trattamento discriminatorio, volto a punire coloro che sono stati e sono tuttora più attivi nella lotta per restituire un futuro allo stabilimento dell'Irisbus. Sospetto accresciuto dalle discriminazioni di cui sono stati fatti oggetto gli operai FIOM a Pomigliano d'Arco (NA) e gli iscritti al S.I. Cobas a Piacenza, presso il deposito IKEA. Quelle due esperienze mostrano come spesso le aziende decidano di adottare meccanismi di punizione/premialità, instillando divisioni in seno ai lavoratori.

---
Fonti
Canale58
Tusinatinitaly

Rete Camere Popolari del Lavoro